Home Page | Network Nigiara
Email

Cucina Marocchina: tradizioni e gastronomia nordafricana!

La cucina marocchina, a causa della sua posizione geografica e delle varie dominazioni nel corso dei secoli, risente principalmente degli influssi della cucina mediterranea e araba.

Principalmente, può essere suddivisa in tre regioni: quella del nord, a contatto con il Mediterraneo, presenta molti piatti a base di pesce e frutti di mare. Grazie alla posizione climatica favorevole, inoltre, quella delle regioni del nord è ricca di frutta tropicale e verdura: questi ingredienti sono sfruttati per diverse ricette, dai piatti di portata ai dolci.

Al sud, la cucina del Marocco deve vedersela col clima desertico. Per questo motivo è molto più diffuso l'allevamento, specialmente il pollame, mentre fra le piante da frutto la spunta il dattero, elemento molto presente nella cucina marocchina.

Influssi principali della cucina marocchina

Come succede molto spesso, le tradizioni culinarie vengono modificate dai contatti con le varie dominazioni sul territori; nel caso del Marocco, la cucina è stata influenza principalmente da quella araba: durante il dominio arabo, infatti, si sono diffuse nuove tecniche e nuovi piatti che sono poi diventati tipici del Marocco. L'influsso arabo ha anche diffuso l'uso delle spezie e del cous cous. Questo piatto è il degno accompagnamento per quasi tutte le pietanze, dalle verdure alla carne e perfino il pesce.

Anche la cucina andalusa si è diffusa nel territorio, portando alla realizzazione di piatti con ingredienti quali olive, noci, e frutti fino a prima sconosciuti.

Piatti principali del Marocco

Il Tajine è considerato il piatto tipico della cucina marocchina: si tratta di una sorta di spezzatino di carne e pollame, cotto nella penta omonima, il Tajine, e accompagnato dal cous cous.

Un'altra ricetta fondamenta è il B'stilla, un secondo a base di carne di piccione ricca di spezie, accompagnato da uova aromatizzate da limone e mandorle. Questo piatto viene poi cotto in un contenitore formato da sfoglie di pasta.

Per festeggiare la fine del Ramadan, la cucina marocchina propone l'agnello cotto sulla brace ardente: anche la tradizione legata a questo animale è tipica della zona del mediterraneo. Fra i primi piatti possiamo proporre un interessante incontro fra la tradizione mediterranea e quella mediorentale.

Tortelloni ricotta e spinaci con crema allo zafferano

Tempo di preparazione di questo piatto: 10 minuti, a cui va aggiunto come tempo di cottura almeno un'altra quindicina di minuti.

Ingredienti per circa 4 persone

  • 250 g di tortelloni ricotta e spinaci
  • 250 ml di crema di riso da cucina
  • 2 buste di zafferano (1,5 g)
  • pepe rosa q.b.
  • 1 presa sale grosso integrale

Per prima cosa mettete a bollire l’acqua in una pentola. Nel frattempo preparate la crema di zafferano: mettete sul fuoco, in una padella capiente, la crema di riso da cucina e quando sarà calda aggiungete lo zafferano. Continuate a mescolare a fiamma bassa per 10 minuti fino a farlo sciogliere completamente. Quando l’acqua avrà raggiunto il bollore
salatela e versatevi i tortelloni. Cuocete per 8-10 minuti. Scolate i tortelloni, versateli nella padella con la crema di zafferano e fateli saltare per 3-4 minuti a fuoco vivo.

Servite caldi con pepe rosa in bacche o macinato al momento: questi tortelloni sono un esempio di cucina marocchina che nel tempo si è integrata con la cultura europea. Provateli e resterete sicuramente senza parole!



Ultimi aggiornamenti


Contatti

Per contattare la redazione del sito Cucinaedieta scrivere all'indirizzo email enr.mainero@gmail.com

 

Iscriviti alla nostra newsletter
Abbonati ai FEED Piatti tipici cucina africana



 
www.cucinareok.it di Enrico Mainero - email enr.mainero@gmail.com - Roma -